Cinegiardino, il teatro all'aperto attivo fino ai primi anni Settanta - itCagliari

itCagliari

LO SAPEVI CHE LUOGHI DI RITROVO MEMORIA

Cinegiardino, il teatro all’aperto attivo fino ai primi anni Settanta

Cinema Giardino Foto Di Ampelio Melini

Fra i più importanti lavori progettati a Cagliari all’inizio del 1944 rientra la costruzione di due teatri, dei quali uno all’aperto: il Cinegiardino. Tale iniziativa, rispondeva all’esigenza sentita di superare il tragico e precedente periodo bellico. Per la sua costruzione si scelse una vasta area fra viale Trento e viale Merello. In soli tre mesi e con trecentoventisei operai, la società Ivo Mazzei e C. con l’appoggio delle autorità, realizzò il teatro all’aperto. La realizzazione della costruzione avvenne con vari materiali di fortuna: per il sipario si utilizzarono teli militari, mentre, per dipingere le poltroncine si utilizzò la vernice argentea impiegata per gli aerei.

Cinema Giardino Foto Di Ampelio Melini
Cinegiardino- Foto di Ampelio Melini- Fonte Vistanet

L’inaugurazione della prima stagione del Cinegiardino

Il locale progettato dagli architetti Emilio Stefano Garau e Oddone Devoto, era caratterizzato da una grande platea immersa nel verde, circondata da un pergolato fiorito. Proprio per queste caratteristiche scelsero il nome di Cinegiardino. Esso disponeva di oltre duemilacinquecento posti a sedere e il palcoscenico era in grado di accogliere spettacoli di vario genere. L’inaugurazione ebbe luogo il 28 agosto 1944 e segui la proiezione del film “Colpi di Timone” interpretato dal comico genovese Gilberto Govi. Le proiezioni cinematografiche inoltre proseguirono con una novità, ovvero un intrattenimento musicale prima del film. L’estate successiva, invece, il teatro ospitò la prima stagione lirica del dopoguerra promossa dall’Istituzione Concerti di Cagliari e dal Centro Vivaldiano di Roma. Cinque le opere in cartellone: “Madame Butterfly”, “Rigoletto”, “Cavalleria Rusticana”, “La Boheme” e la “Tosca”.

Cinema Giardino Il Pubblico Foto Di Ampelio Melini 61a746bedecf7
Cinegiardino- Foto di Ampelio Melini- Fonte Vistanet

La prosecuzione degli spettacoli negli anni successivi all’inaugurazione

Nel Maggio 1946 il teatro venne utilizzato da Alcide de Gasperi, il quale tenne un affollato comizio per le elezioni della Costituente. Mentre, il programma degli spettacoli continuava ad essere abbastanza ricco, con in esecuzione sei opere: “Il Trovatore“, “Il Barbiere di Siviglia”, “La Traviata“, “Cavalleria rusticana”, “Pagliacci” e “Andrea Chenier”. Tra gli interpreti molti i nomi illustri: Tito Gobbi, Paolo Silveri, Maria Caniglia, Fernanda Cadoni e Adriana Guerrini. Terminata la stagione lirica, fu la volta dell’operetta con la compagnia Durot Dezan. Inoltre in quegli anni il Cinegiardino si prestò anche per altri appuntamenti. Alla fine del maggio 1947 accolse una riunione di boxe, due settimane dopo andò in scena “Ciottolino”, un piccolo classico delle rappresentazioni per le scuole.

La stagione della Fiera Campionaria della Sardegna nel 1950

Dal 25 febbraio al 12 marzo 1950 il Cinegiardino accolse inoltre, la seconda edizione della Fiera Campionaria della Sardegna. Nella platea vennero inseriti gli stands con centoventi espositori che portarono in mostra le attività tradizionali dell’isola e le nuove tecnologie. Inaugurata dal presidente della regione Crespellani, la serata si aprì con qualche novità cinematografica, preceduta dall’avanspettacolo. Per quest’ultimo, oramai poco conosciuto si intende un programma che comprendeva vari numeri di comici, cantanti e un corpo di ballo accompagnati da un’orchestra.

Gli spettacoli, erano seguiti da tantissime persone e venivano annunciati e pubblicizzati in una grande vetrina nel largo Carlo Felice. Nel 1963 con il titolo “Arte e Mondanità Giovedì al Giardino” veniva annunciato un saggio di danza classica, con l’attore Mario Faticoni nella veste di presentatore. Pian Piano cominciarono anche i concerti tenuti da complessi di musica leggera. Il clou rimaneva comunque l’opera e le stagioni a partire dal 1949 furono organizzare dalla “Cooperativa Mario del Candia”. Tra gli spettacoli troviamo “L’Otello” e il “Mefistofele”. Bellissime stagioni furono anche quelle del 1953,1954 e del 1955 in cui si ricordano due ottime esecuzioni de “La Traviata” e “Cavalleria Rusticana”.

Cinegiardino
Cinegiardino- Fonte Facebook: Cagliari fotografica, tra passato e presente

La fine del Cinegiardino

L’anno dopo la Cooperativa trasferì la stagione lirica all’Anfiteatro Romano. Difatti, l’antica arena suggestiva e dotata di un’ottima acustica consentiva l’allestimento di spettacoli impensabili al Cinegiardino. Questa decisione ne comportò sicuramente una perdita di prestigio. Alla fine degli anni Settanta le rappresentazioni cessarono e iniziò un rapido degrado. Il compimento di ciò avvenne nella primavera del 2004 infatti una ruspa cancellò gli ultimi ruderi del Cinegiardino.

Cinegiardino, il teatro all’aperto attivo fino ai primi anni Settanta ultima modifica: 2021-12-01T11:17:47+01:00 da Lara Desogus

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Katherine Alexandra Giudice

Molto interessante!

Julieta B. Mollo

😮

Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x