itCagliari

CULTURA EVENTI MEMORIA

Galleria Comunale, da rifugio antiaereo a luogo di cultura

Galleria Comunale

Situata alla base di un ripido costone roccioso che delimita il colle di Buoncammino, la cavità sotterranea della Galleria Comunale d’Arte di Cagliari è costituita da un insieme di ambienti molto ampi e comunicanti tra loro. Precisamente, si tratta di una cava estrattiva, sfruttata in epoca medievale per l’estrazione di materiale ad uso locale e poi abbandonata. Al suo interno, però, la lettura delle tracce di estrazione di epoca antica è spesso ostacolata o compromessa dallo sfruttamento, anche in epoche successive. Infatti durante la Seconda  Guerra  Mondiale,  la  cava  venne  adibita  a  rifugio  antiaereo dagli abitanti  della  zona. 

Galleria Comunale, quando Cagliari moriva sotto le bombe del ’43

Sono passati 78 anni dai bombardamenti del 17 febbraio 1943. Oltre 2mila le persone morte e un’intera città fatta a pezzi. I primi aerei americani, giunsero in città colpendo la zona compresa tra via Nuoro, via Barone Rossi, insieme a viale Bonaria e viale Diaz. Colpita anche la zona davanti alla chiesa di San Michele, interessando inoltre i quartieri di Stampace, Castello e le zone del Terrapieno. La città divenne un deserto fumante con più della metà del tessuto cittadino distrutto, e tra le mille e le duemila vittime della  popolazione civile. 

Jjj

Galleria Comunale, la cava rifugio delle povere anime

Furono pertanto soprattutto i cagliaritani, fra tutti i sardi, quelli che soffrirono più duramente le conseguenze della guerra. Non soltanto per l’alto numero dei morti, ma anche per le difficoltà e non di rado le privazioni che accompagnarono la fuga dalla città martoriata. La cava della Galleria Comunale divenne per alcuni di essi un luogo di rifugio e riparo dalle bombe. Al termine della guerra continuò inoltre a essere adoperata come abitazione  dalla popolazione, rimasta in buona parte senza un tetto.

Hhhh

La cava oggi: luogo dinamico e spazio creativo

Dalla Pietà di gesso di Francesco Ciusa ad altre opere importanti della collezione Ugo Ugo. Oggi le più importanti opere d’arte trovano spazio proprio lì, all’interno della Galleria Comunale d’arte. All’inizio del 2002 la cavità ha subito lavori di riqualificazione e predisposizione per un suo recupero alla fruizione pubblica. E col tempo è divenuta un luogo dinamico, un cantiere dedicato al contemporaneo.

Galleria Comunale, da rifugio antiaereo a luogo di cultura ultima modifica: 2021-02-17T17:01:18+01:00 da Lara Desogus

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Mirtha Aldunce

Bello articolo 🙂

To Top
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x