ARTE

La Galleria del Sale: street art e rigenerazione urbana

La Galleria del Sale è un luogo molto originale di Cagliari: una esposizione di arte contemporanea a cielo aperto per riqualificare uno spazio urbano e sensibilizzare ai temi dell’arte e della natura.

Cos’è?

La Galleria permanente nasce nel 2014 ed è il frutto della collaborazione tra Urban Center e street artist, sardi e nazionali. Si trova nella pista ciclabile che unisce il porticciolo turistico di Su Siccu con Viale la Palma, all’ingresso del Parco di Molentargius. Gli artisti in due settimane avevano realizzato i loro primi lavori, ma il progetto artistico è in continuo divenire: murales, graffiti, poster, sculture e fiber art. Infatti, ogni anno, street artist locali, ma anche internazionali, aggiungono la loro opera e firma nella Galleria.

Passeggiare per questa galleria è uno spettacolo per tutti i sensi e si ha la percezione di quanto la natura possa entrare in contatto con l’arte e viceversa. Ogni giorno, infatti, la Galleria viene attraversata da sportivi e turisti e poi c’è anche la possibilità di lasciare un proprio pensiero.

Sostenibilità ambientale e rigenerazione urbana

Uno degli obiettivi della Galleria è la riqualificazione di uno spazio urbano, in un’ottica di rigenerazione e sostenibilità ambientale. Da una parte gli artisti hanno un loro spazio dedicato  alla libera produzione e la città di Cagliari ne ha guadagnato a livello culturale. La street art è un’espressione artistica contemporanea a tutti gli effetti e la Galleria ha dato nuova luce ai setti portanti della Galleria, sensibilizzando ai temi dell’arte.

Rapporto uomo-natura

Inoltre, i nuovi linguaggi comunicativi possono essere ottimi mezzi di diffusione per promuovere comportamenti sociali e sensibilizzare. Il tema portante dell’esposizione è il rapporto che l’uomo ha con la natura, una tematica già cara agli artisti. Essendo che la Galleria si trova nei pressi del Molentargius, il richiamo alla natura è chiaro. Si possono ammirare delle opere sia all’esterno della Galleria, lungo la strada, mentre quelle più concettuali sono all’interno e hanno bisogno di un’osservazione più attenta per essere interpretate.

Chi ha dipinto la galleria?

Sono 14 gli artisti che hanno riempito la Galleria in prima istanza, distinti per il loro operato e ruolo sociale. Sono street artist cagliaritani, ma anche uno inglese, uno sassarese e uno fiorentino. Fra gli altri street artist sardi anche Manu Invisible che non appare mai col volto scoperto, ma dietro una maschera.

Poi troviamo Andreco e la sua opera ‘Grotta’, in cui l’autore si ispira alle grotte sul mare della Sardegna (immagine in evidenza dell’articolo) ericailcane, bastardilla, zed1 ma anche tellas, crisa, Andrea Casciu e Daniela Frongia e altri.
Daniele Gregorini, curatore della Galleria ci ha detto: “dopo il 2014 non abbiamo abbandonato il progetto e abbiamo portato altri artisti nel corso degli anni portando oltre ai murales anche graffiti, poster, sculture e fiber art. Un progetto totalmente autoprodotto  che continuiamo a portare avanti grazie all’impegno degli artisti e di altre organizzazioni come l’arc, imagomundi per monumenti aperti e paratissima”
L’esperimento della Galleria del Sale  è molto interessante perché permette a tutti la fruizione libera  dell’arte, compito già abbastanza assolto dalla street art. Il fatto di essere inserita in uno spazio naturale come quello vicino al Molentargius è la maniera per avvicinare più persone anche a quel luogo, vivirlo e nel frattempo godere dell’estro creativo degli artisti.

Elena Muscas

Autore: Elena Muscas

Ho una passione sfrenata per i viaggi (responsabili). Viaggio per vedere il mondo con i miei occhi, raccogliere sorrisi e avere storie infinite da raccontare. Amo: le isole, i fumetti, le tradizioni popolari, la frutta, la street art, il mare, fotografare, scrivere, meditare. (Sul mio blog ojosdemuscas racconti e foto di viaggio)

La Galleria del Sale: street art e rigenerazione urbana ultima modifica: 2018-12-05T20:16:11+00:00 da Elena Muscas

Commenti

To Top