PERSONAGGI STORIA

I sequestri di persona, un brutto capitolo della storia sarda

I sequestri di persona in Sardegna, banditi

I sequestri di persona, in Sardegna una macchia orribile e impossibile da cancellare nella millenaria storia dell’Isola. Tra gli anni Sessanta e Novanta il fenomeno conosce il suo momento di massima esplosione e una delle terre più belle del Mediterraneo diventa teatro di bestialità. Vittime scelte con attenzione e in nome di un barbaro business, tra sequestratori, pentiti e codici d’onore. Un fenomeno che è crollato negli anni Duemila, ma ricordato ancora oggi con terrore anche da chi l’ha solamente conosciuto da impotente spettatore. Fabrizio de Andrè, il piccolo Farouk Kassam, Silvia Melis e Titti Pinna. Sono solamente alcuni degli innumerevoli nomi di sequestrati in Sardegna. E questi episodi ancora oggi fanno accapponare la pelle.

I sequestri di persona in Sardegna, l’ombra oscura dell’Anonima

Dietro i sequestri di persona in Sardegna, c’era l’ombra oscura dell’Anonima. Un’espressione giornalistica che identificava gruppi legati al banditismo sardo, le cui origini affondano nella notte dei tempi.  Non si pensi a organizzazioni come Cosa Nostra et similia. L’Anonima sarda non può essere considerata un’associazione a delinquere di stampo mafioso, con determinate gerarchie e unitarietà, ma con essa i media facevano riferimento all’insieme di gruppi estemporanei, legati al codice barbaricino e attivi nel sequestro di persona in Sardegna e in Penisola.  

I sequestri di persona in Sardegna, grotta
I sequestri di persona in Sardegna, le grotte nascondiglio per gli ostaggi.

I sequestri di persona in Sardegna, i luoghi dell’Isola

Un fenomeno, quello dei sequestri di persona, che ha avuto un elevato sviluppo soprattutto nelle aree interne. La Barbagia, le Baronie e l’Ogliastra sono tristemente ricordate, ma non da meno sono state la Gallura e in generale alcune aree del nord Sardegna. Anfratti, grotte e boschi impraticabili diventano i luoghi ideali dove tenere gli ostaggi. Spesso, era indispensabile l’appoggio e la connivenza di un gran numero di persone. Eppure, non sono mancati episodi di lotta armata tra rapitori e popolazione, civili e volontari, in nome dei principi di giustizia.

I sequestratori più noti, alcuni nomi ed episodi

La Barbagia, l’Ogliastra e le Baronie terre di banditi. E dietro, a dirigere l’orchestra, spesso c’erano personaggi di grande rispetto. Ma per le vittime, alcune volte, le storie non erano a lieto fine. Tra i sequestratori, i nomi di Matteo Boe e Graziano Mesina spiccano su tutti, come protagonisti dell’aetas aurea del banditismo sardo. Il primo è divenuto famoso per il sequestro di Farouk Kassam ed è salito alla ribalta della cronaca nazionale per la sua evasione dal carcere dell’Asinara. Il secondo, condannato all’ergastolo, è stato graziato nel 2004. Salvo poi ritornare in carcere nel 2013. E ancora, non da meno sono le “imprese” dello spagnolo Miguel Atienza, Attilio Cubeddu e Mario Sale. Senza dimenticare la guerra intestina tra i mamoiadini Annino Mele e Giovanni Cadinu.    

Matteo Boe

I sequestri in Sardegna, nelle terre selvagge dell’Isola

Tra gli anni Sessanta e Novanta, il boom dei sequestri di persona in Sardegna. La storia del 1975 del conte Alfonso de Sayons mette ancora i brividi alla schiena, così come quella di Piero Baldassini. Nel 1979 le terre selvagge del Supramonte hanno ospitato, loro malgrado, Fabrizio De Andrè e Dori Ghezzi. Faber, nonostante tutto, non ha però rinnegato il suo amore per i sardi. E ancora, nel 1985 il sequestro dell’imprenditore Tonino Caggiari. Per lui sono scesi in campo civili e volontari, in nome della giustizia, nella “battaglia di Osposidda”.  Nel 1992, a soli otto anni, viene sequestrato Farouk Kassam, con la liberazione mediata da Graziano Mesina. In epoca più recente, nel 1997 è stata dell’enigmatico sequestro di Silvia Melis e quello di Titti Pinna, nel 2007. Fuori dalla Sardegna, celeberrimo è il sequestro Soffiantini, nel 1997.    

Gli anni ’00, la fine del boom

Negli anni ’00 finisce il boom dei sequestri in Sardegna, salvo sporadici episodi. I fattori sono stati molteplici, anche se è bene evidenziare l’immane lavoro della Giustizia italiana e di personalità di legge. Una di queste è il giudice istruttore cagliaritano Luigi Lombardini , che tra gli anni ’60 e ’80 ha contribuito a scardinare questo sistema criminale.

Gianmarco Cossu

Autore: Gianmarco Cossu

Cagliaritano verace e insegnante. Per passione. Perché se non ce l’hai, questo lavoro non lo fai. Amante della lingua araba, dell’Islam, della saggistica politica e dei film d’epoca. Giornalista? No, solamente “uno che va raccontando i fatti degli altri”.
I sequestri di persona, un brutto capitolo della storia sarda ultima modifica: 2019-06-26T10:04:07+02:00 da Gianmarco Cossu

Commenti

To Top