SPORT

Il Sant’Elia ai Mondiali. L’11 giugno 1990 in scena l’Inghilterra

il Sant'Elia ai Mondiali - azione di gioco di una partita di calcio

Il Sant’Elia ai Mondiali 29 anni fa. Guardando oggi l’impianto, ormai dismesso, di via Amerigo Vespucci, sembrerebbe pure fantasia, eppure l’ex stadio di Cagliari l’11 giugno del 1990 faceva il suo esordio nei campionati mondiali di calcio. Alle ore 21 fischio di inizio per Inghilterra – Irlanda, partita inaugurale del gruppo F, e tutta la Sardegna cantava Notti magiche.

“Italia ‘90”, il Sant’Elia ai Mondiali

il Sant'Elia ai Mondialii - Simbolo ufficiale Mondiali "Italia 90"
Il Sant’Elia ai Mondiali. ‘Ciao’, l’omino simbolo ufficiale di “Italia 90”

L’edizione numero 14 del campionato mondiale di calcio fra le nazioni si tiene in Italia, quattro anni dopo la straordinaria vittoria della coppa d’oro dell’Argentina di Maradona. Il Sant’Elia ai Mondiali fa storia, è vero, ma bisogna dire che la scelta della Fifa è un successo per tutto il Paese. Per l’organizzazione di “Italia 90”, con 24 squadre partecipanti, il Belpaese supera la concorrenza dell’Unione Sovietica e per la seconda volta nella sua storia si prepara a diventare, almeno per un mese, il centro del mondo del pallone. Eppure, molti stadi dello Stivale risultano inadeguati, rendendo così necessario un lavoro di ammodernamento, se non di costruzione ex novo.

Il Sant’Elia ai Mondiali, i lavori di restyling dell’impianto

il Sant'Elia ai Mondiali- Foto dalla Curva
Il Sant’Elia ai Mondiali. Lo stadio Sant’Elia in una foto degli anni ’90.

Il Sant’Elia ai Mondiali, ma in preparazione del grande evento c’è bisogno di un lavoro di restyling, con il Cagliari costretto a un breve trasferimento nel vecchio Amsicora. L’impianto di via Amerigo Vespucci viene scelto come sede ospitante, ma a partire dal 1987 sono necessarie operazioni di restauro. 24 miliardi di lire il costo finale per “lo stadio del futuro”.  I posti massimi vengono ridotti a poco più di quarantamila, con il potenziamento dell’illuminazione, in virtù delle 4 torri faro aggiuntive. In aggiunta, collegamenti stradali potenziati e realizzazione di una copertura lignea sopra la tribuna centrale. In occasione di “Italia 90” nasce il “Pallone”, adiacente allo stadio, conosciuto da tutti i cagliaritani. Una tensostruttura esterna, adibita a centro stampa, ora invece relitto di quel periodo stellare.

“Italia 90”, al Sant’Elia per bloccare gli hooligans

La scelta dello stadio Sant’Elia come una delle sedi ospitanti di “Italia 90 non è casuale. A Cagliari e a Palermo si giocano le partite del gruppo F, quello in cui sono inseriti Olanda, Egitto, Eire e l’Inghilterra. All’indomani dei terribili fatti dell’Heysel,  ancora vivi nella mente dei tifosi del pallone, è necessario imbrigliare la possibile violenza degli hooligans.  La scelta dell’impianto cagliaritano risponde così alla necessità di “allungare” ulteriormente la trasferta del tifo – quello marcio, si intende – britannico.

11 giugno 1990, l’esordio in scena del Sant’Elia

Il Sant’Elia va in scena l’11 giugno 1990. Alle ore 21.00 riflettori puntati su Inghilterra – Irlanda, valevole per la prima giornata del gruppo F,  in uno stadio che è una festa di colori. Gli hooligans ci provano a mettere a ferro e fuoco la città, ma il lavoro delle Forze dell’ordine, e in alcuni casi anche quello dei “volontari”, è egregio. Nel rettangolo verde, però, finisce 1 a 1 e in gol per gli inglesi va Gary Lineker, il quale in seguito a un fallo subito in quel match non si trattiene dal defecare in campo.

il Sant'Elia ai Mondiali - azione di gioco in una partita
Inghilterra – Eire in scena al Sant’Elia, alla prima giornata del girone F.

Inghilterra – Egitto, giù il sipario sui Mondiali del Sant’Elia

Dopo il match di apertura del girone giocato dall’Inghilterra contro i vicini irlandese, la squadra di Sua Maestà giocherà altre due partite al Sant’Elia. Il 16 giugno è la volta di Inghilterra – Olanda di Ruud Gullit, finita a reti bianche. Per i tifosi un’occasione per mostrare i loro visi multicolori; per gli imbecilli quella d mostrare il lato più brutto del calcio, con gli scontri nelle aree periferiche dello stadio. Infine, Inghilterra – Egitto, giocata il 21 giugno e finita 1 a 0 per i britannici. La patria del calcio passa il turno e sul Sant’Elia cala il sipario stellato dei Mondiali di calcio.

Gianmarco Cossu

Autore: Gianmarco Cossu

Cagliaritano verace e insegnante. Per passione. Perché se non ce l’hai, questo lavoro non lo fai. Amante della lingua araba, dell’Islam, della saggistica politica e dei film d’epoca. Giornalista? No, solamente “uno che va raccontando i fatti degli altri”.
Il Sant’Elia ai Mondiali. L’11 giugno 1990 in scena l’Inghilterra ultima modifica: 2019-06-12T09:00:33+02:00 da Gianmarco Cossu

Commenti

To Top