EVENTI

Le Notti dell’Archeologia Virtuale illuminano Cagliari

Cropped Notti Archelogia Virtuale Manifesto.jpg

Un viaggio virtuale alla scoperta dei siti archeologici più importanti della Sardegna. Questa, è l’iniziativa che avrà luogo nel Museo Archeologico Nazionale. Le date da ricordare sono il 18 e il 25 luglio. Le Notti Colorate non saranno quindi le sole a movimentare le serate cagliaritane. Ad esse, si affiancheranno anche le Notti dell’Archeologia Virtuale. L’evento avrà luogo a partire dalle ore 20. Da tenere a mente che sarà disponibile solo previa prenotazione.

Notti Colorate e Notti dell’Archeologia Virtuale

I prossimi giovedì, Cagliari si animerà fino a tarda notte. L’occasione, come ogni anno, è quella delle Notti Colorate. Un appuntamento fisso, mirato a far scoprire la città ai turisti che ogni estate la affollano. Ad esse si affiancherà un evento altrettanto speciale. Trattasi delle Notti dell’Archeologia Virtuale.

Il Museo Archeologico di Cagliari ospiterà le Notti dell'Archeologia Virtuale
Museo Archeologico Nazionale di Cagliari

Il 18 e 25 luglio, il Museo Archeologico Nazionale sarà visitabile fino alle ore 23. Ma l’apertura straordinaria sarà ancor più speciale. La ragione è infatti data da un’iniziativa unica nel suo genere.  Un percorso virtuale in alcuni importanti siti archeologici dell’isola. L’evento, su prenotazione, avrà luogo a partire dalle ore 20. I partecipanti saranno muniti di visori VR. Con essi, potranno quindi compiere un tour completo nei siti storici sardi.
Ricordiamo che i posti a disposizione sono limitati. Per le prenotazioni occorre rivolgersi all’indirizzo di posta elettronica del Museo. Ovvero: pm-sar.prenotmuseoarcheo.ca@beniculturali.it

Il progetto Sardegna Virtual Archeology

Le Notti dell’Archeologia Virtuale si inseriscono nel progetto Sardegna Virtual Archeology. Lo scopo, è di avvalersi di tecnologie all’avanguardia per riscoprire la storia sarda. Come sappiamo, questa è legata alla presenza del mare. Grazie ad esso, l’isola si è arricchita dei contatti con altre civiltà mediterranee. Il risultato, è un panorama storico e culturale invidiabile. Tuttavia, solo una parte di tale patrimonio è conosciuto ai più. Sommersi e dimenticati, sono sparsi nell’isola monumenti e luoghi di grande rilevanza. Ad aggravare il quadro, molti di questi sono in luoghi di difficile accesso.

Notti dell'Archeologia Virtuale e progetto Sardegna Virtual Archeology
Sardegna Virtual Archeology (fonte: Museo Archeologico Nazionale di Cagliari)

In tale contesto, si inserisce il progetto di Sardegna Virtual Archeology. L’ausilio delle nuove tecnologie VR permette infatti di colmare il vuoto di conoscenza. Ricostruzioni, planimetrie, schede di approfondimento e molto altro.
Tutti i percorsi proposti sono supportati da una guida virtuale. Potremo scoprire i segreti delle tombe puniche sotterranee. Oppure, saremo finalmente in grado di visitare complessi nuragici. Avremo inoltre i mezzi per godere della magnificenza dei castelli medioevali.
Ma lo scopo del tour è anche un altro. Quello di fare da apripista alle visite dal vivo dei siti presi in esame dal progetto.
Affascinante e stimolate. Queste, le parole chiave per descrivere il progetto. Senza dubbio, un’esperienza di arricchimento culturale. Ideale sia per i turisti che per gli stessi sardi.

I siti archeologici del progetto

I luoghi e i monumenti virtualmente visitabili sono numerosi. Eccone qualche esempio.

  • Circoli megalitici Li Muri
  • Necropoli di Sant’Andrea Priu
  • Villaggio nuragico di Su Nuraxi
  • Tomba dei giganti di Thomes
  • Complesso nuragico di S’Arcu ‘e Is Forros
  • Necropoli di Is Pirixeddus
  • Terme romane di Forum Traiani
  • Area archeologica di Sant’Eulalia
  • Castello di Monreale
  • Chiesa e monastero di San Nicola di Trullas
  • Porto e torri costiere di Arbatax
Andreana Perla

Autore: Andreana Perla

Nerd, gamer, divoratrice di libri e amante della scrittura.
Le Notti dell’Archeologia Virtuale illuminano Cagliari ultima modifica: 2019-07-18T10:32:49+02:00 da Andreana Perla

Commenti

To Top