CIBO TRADIZIONI

Pardulas: i dolci sardi alla ricotta tipici della Pasqua

18183

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

Un cuore di ricotta, zafferano e scorza di limone, racchiuso in una friabile sfoglia di semola: questa è la tipica pardulas sarda. Preparate perlopiù nel corso delle festività pasquali, sono composte da ingredienti poveri, tipici di tutta la tradizione culinaria isolana. Nel resto del continente sono conosciute anche come formaggelle, da cui tuttavia si differenziano per l’uso di alcuni ingredienti. Di recente sono entrati nel prestigioso elenco dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali, stilato dal Ministero dell’Agricoltura.

Le origini della pardulas

varianti della pardulas tradizionale

Varianti della pardulas tradizionale

Le pardulas hanno origini molto antiche, sono infatti riconducibili al passato greco-romano dell’isola. Il termine stesso “pardulas”, potrebbe essere una storpiatura del nome originario latino quadrula. La forma del dolce, in effetti, richiama molto la forma del quadrato, nonostante il processo lavorativo (il tipico pizzico della pasta) le porti ad assumere una forma più tondeggiante.
Da numerosi testi storici, apprendiamo che le pardulas erano preparate prevalentemente in prossimità della Pasqua. In alcune aree della Sardegna, rientrano anche all’interno dei dolci tipici de Is Animeddas, il Giorno dei Morti.
Come buona parte dei dolci sardi, gli ingredienti base delle pardulas appartengono alla tradizione agreste dell’isola. In particolare, ciò che le contraddistingue è la presenza della ricotta fresca. Questa, insieme allo zafferano e all’aroma agrumato, compone il cuore del dolce. A racchiuderlo, troviamo la cosiddetta pasta violata, un semplice impasto composto da semola, acqua e strutto. In virtù della presenza o meno di alcuni ingredienti, troviamo numerose varianti della pardulas tradizionale. La ricotta è, ad esempio, sostituita spesso con del formaggio fresco. In questi casi, si parla di casadinas o, in italiano, formaggelle. Alle volte, a cambiare è solo la forma oppure la consistenza del ripieno. Se quest’ultimo, infatti, è spumoso e soffice abbiamo a che fare con la classica pardulas bombata mentre al contrario, con un impasto cremoso, ciò che otterremo sarà più simile ad un tortino di formaggio.

La ricetta della pardulas originale

pardulas

Esempio di pardulas (fonte: Flickr)

Come anticipato, gli ingredienti del dolce sono molto semplici e alla portata di tutti, così come la realizzazione finale del piatto.

Ingredienti

Per la sfoglia:

250 gr di semola

50 gr di strutto (sostituibile con olio)

acqua

un pizzico di sale

 

Per il ripieno:

1 kg di ricotta (ovina o vaccina)

50gr di zucchero

100 gr di farina

3 tuorli

scorza di limone grattugiato

zafferano

Preparazione

Si inizia con la preparazione della sfoglia. Uniamo quindi semola, strutto e acqua. Impastiamo fino ad ottenere un composto liscio e sodo. Lasciamo riposare. Prima di procedere con la lavorazione dell’impasto, è consigliabile far perdere alla ricotta una buona parte del suo siero, onde evitare che il ripieno risulti troppo liquido. Alla ricotta aggiungiamo dunque la farina setacciata, lo zucchero, i tuorli, la scorza di limone e lo zafferano, precedentemente fatto disciogliere in acqua tiepida o, in alternativa, latte. Tiriamo la sfoglia e ricaviamo dei dischetti in cui posizioneremo al centro, il ripieno. Per ottenere la pardulas tipica sarda, occorre pizzicare i bordi della sfoglia in sei punti.
Inforniamo a 170° e lasciamo cuocere per 30/40 minuti.
Una volta sfornati, potremo decorare con dello zucchero a velo oppure con del miele.

Andreana Perla

Autore: Andreana Perla

Nerd, gamer, divoratrice di libri e amante della scrittura.

Pardulas: i dolci sardi alla ricotta tipici della Pasqua ultima modifica: 2019-04-05T12:56:15+02:00 da Andreana Perla

Commenti

To Top