PERSONAGGI SPORT

Gigi Riva e Cagliari: più di mezzo secolo di un legame speciale

Gigi Riva, detto “Rombo di Tuono”, è arrivato in Sardegna nel 1963 come un promettente calciatore. Così, a 19 anni diventò un attaccante del Cagliari Calcio e negli anni una leggenda: nella stagione 1969-70 contribuì alla vittoria dell’unico scudetto nella storia dei rossoblù.
In più di cinquant’anni il suo amore per l’isola è cresciuto ed è diventato talmente profondo che Riva da Cagliari non se n’è mai andato.

I numeri di un mito: da calciatore a dirigente

Gigi Riva è nato nel 1944 a Leggiuno, un piccolo paese sul Lago Maggiore. La sua carriera a Cagliari iniziò quasi per caso. Infatti, ha raccontato in qualche sua intervista, di non voler raggiungere l’isola e anzi di essere addirittura spaventato dalla sua cessione al club rossoblu. Anche se poco convinto della scelta, Gigi Riva accetta la sfida isolana. Tiro dopo tiro, nella stagione 1963-1964 ha contribuito alla prima promozione del Cagliari in Serie A.
Nella stagione 1969-1970 il Cagliari vinse lo scudetto, dopo mesi in volata. Quella storica e importante vittoria ha contribuito a consacrare Gigi Riva idolo assoluto del calcio isolano.

Gigi Riva lancia fiori ai tifosi dopo la conquista dello storico scudetto.

Quello stesso anno arrivò terzo nella classifica per il Pallone d’Oro.
Fece il suo esordio in maglia azzurra a 20 anni. Con la nazionale diventò campione d’Europa nel ‘68 e vice campione del mondo nel ‘70.
Ha giocato col Cagliari fino alla stagione 1975-76
Da quando ha appeso le scarpette al chiodo, Riva dal mondo del calcio non si è mai allontanato, sia per passione che per vocazione. Così, è diventato presidente del Cagliari nella stagione 1986-87, dirigente della FIGC, accompagnatore sportivo e infine team manager della nazionale dal 1990 al 2013.

Curiosità di un uomo leggenda: Rombo di Tuono

Gigi Riva è considerato uno dei più forti giocatori della sua epoca, ma è considerato anche uno dei migliori giocatori di tutto il XX secolo. Continua a detenere il record con la nazionale italiana di 35 gol in 42 partite.
Il Cagliari ha ritirato la maglia numero 11 dalla sua formazione, in suo onore.
Rombo di tuono” è un soprannome che gli diede il giornalista sportivo Gianni Brera per enfatizzare la potenza dei suoi tiri.

Il legame con Cagliari

A Cagliari “Rombo di Tuono” ha messo radici, due figli e oggi ha anche 4 nipoti, tutti nati qui e indissolubilmente legati alla Sardegna.
Dal 1976, anno del suo abbandono al calcio giocato, promuove l’attività calcistica giovanile. Ha fondato a Cagliari una scuola di calcio che, ovviamente, porta il suo nome.
Dal 2005 Gigi Riva è cittadino onorario di Cagliari.

Identità

Silenzioso, stimato, apprezzato calciatore, Gigi Riva è un uomo che se lo incontri per le strade di Cagliari è un piacere salutarlo e anche scambiarci due parole.
La cosa straordinaria è che pur non essendo sardo di nascita, Riva è riuscito a conquistare i cagliaritani, i sardi e a diventare una identità isolana molto forte.
Ha compiuto recentemente 74 anni. Auguri da tutti noi, leggenda!

Elena Muscas

Autore: Elena Muscas

Ho una passione sfrenata per i viaggi (responsabili). Viaggio per vedere il mondo con i miei occhi, raccogliere sorrisi e avere storie infinite da raccontare. Amo: le isole, i fumetti, le tradizioni popolari, la frutta, la street art, il mare, fotografare, scrivere, meditare. (Sul mio blog ojosdemuscas racconti e foto di viaggio)

Gigi Riva e Cagliari: più di mezzo secolo di un legame speciale ultima modifica: 2018-11-08T12:08:05+00:00 da Elena Muscas

Dove puoi trovare il prodotto

Commenti

To Top