I CAGLIARITANI RACCONTANO CAGLIARI

itCagliari

MITI E LEGGENDE

Sa Mama e su Sole e le madri magiche della Sardegna

bambina con i capelli unghi di spalle che guarda il sole in un campo_Sa Mama e Su Sole

Povero te, povero chi non crede a sa Mama e su Sole, cantavano i Tazenda nel 1991. Sembra quasi un altro tempo, quando la saggezza popolare faceva vivere misteriose creature magiche. Entravano nelle case, nella vita quotidiana e diventavano la risposta ai “perché” dei più piccoli. Poco importa che fossero un misto di realtà e fantasia. Appena raccontate, quelle leggende diventavano regole da seguire in modo incondizionato. A ripensarci, sono ancora in grado di emozionare, fanno sorridere o fanno venire in mente il tono serio di nonne o zie mentre lo raccontavano.

Identikit di sa Mama e su Sole: donna bellissima ma temuta

Presente quasi ovunque in Sardegna, sa Mama e su Sole è conosciuta anche con il nome di “la mamma di lu soli”, o “mamma e soli”. E’ una donna ricca di fascino e grazia, coperta da testa a piedi. Tanto bella, quanto temibile. Appare nelle ore più calde della giornata, “quando c’è un sole che spacca le pietre”. Mai frase fu più azzeccata per descrivere le estati roventi dell’isola, quando le temperature sono altissime e l’afa impedisce di respirare. Sono quei momenti in cui sa Mama e su Sole si aggira nei paesi, perfino nei vicoli più stretti e periferici. Disturbarla è irrispettoso, ma non solo. Può diventare pericoloso.

Portico in pietra di un antico paese della sardegna, parte all'ombra e parte al sole con sa Mama e Su Sole
Sa Mama e su Sole, leggenda popolare della tradizione sarda foto Ilaria Pani

La punizione di sa Mama e su Sole ai bambini disobbedienti

Secondo la leggenda, infatti, a rischio sono i bambini che si fanno trovare per strada in quelle ore. In alcuni paesi la punizione è terribile. Sa Mama e su Sole li rincorre per rapirli e non farli tornare più a casa. Nella migliore delle ipotesi, invece, vengono afferrati dai potenti raggi di questa figura magica. Baciati sulla fronte, ne conservano il segno, assieme a una febbre altissima, in sardo halentura, che dura per diversi giorni. I più piccoli, tra mistero e incredulità, finivano per restare a casa, convinti che dopotutto fosse meglio pazientare qualche ora rispetto alle terribili conseguenze di quell’incontro.

panorama sul mare della sardegna con un grande disco solare all'orizzonte_ sa mama e su sole
Il sole delle estati isolane che si perde nel mare foto Ilaria Pani

Perché è importante non dimenticare le leggende

Tramandata per generazioni, la credenza di sa Mama e su Sole è entrata nella memoria collettiva dell’isola, parte di un patrimonio culturale ricchissimo che rischia di essere dimenticato per sempre. Eppure, queste leggende hanno permesso di spiegare i fenomeni naturali, il cambiamento delle stagioni o di affrontare le paure. Dietro la credenza di Sa Mama e su Sole c’era la necessità di proteggere i più piccoli dalle insolazioni. Stare sotto il sole da mezzogiorno alle 16, li metteva a rischio di un colpo di calore. La febbre, a seguito della lunga esposizione, si trasforma, grazie alla leggenda, nel bacio di una donna magica, da cui stare alla larga.

campo di grano inondato dal sole con una spiga in primo piano_Sa Mama e Su Sole e sa mama e su Trigu
Sa Mama e su Trigu creatura magica della tradizione sarda

Sa Mama e su Sole e le altre madri magiche della Sardegna

Assieme sa Mama e su Sole, la Sardegna è ricca di altre madri fantastiche, protagoniste di storie e leggende. Oltre al sole, c’è sa Mama e su Fogu, la Madre del Fuoco o sa Mama e su Ventu, la Madre del Vento che appare nei giorni di mestrale o tramontana. C’è Maria Farranca che vive nei pozzi scoperti e sa Mama e su Trigu, la mamma del grano, nascosta nell’ultimo covone raccolto.

Sa Mama e su Sole e le madri magiche della Sardegna ultima modifica: 2020-03-30T11:42:29+02:00 da Ilaria Pani

Commenti

Commenti
To Top